LA LEGGENDA DEI SETTE INFANTI DI LARA

Gonzalo Gustioz, Signore di Salas, era sposato con Dona Sancha, con la quale ebbe sette figli (gli "infanti" di Lara). Durante la celebrazione del matrimonio di Rodrigo Velazquez (noto come Ruy Velazquez e fratello di Dona Sancha) con Dona Lambra, i parenti della sposa si scontrarono con gli infanti di Lara. In questo scontro rimase ucciso un cugino di Dona Lambra per mano di Gonzalo Gonzalez o "Gonzalillo", il minore dei sette infanti di Lara. Grazie all' intervento del conte di Castilla e Gonzalo Gustioz, questi eventi non ebbero seguito. Dopo un po' di tempo, Gonzalillo è visto da Dona Lambra mentre fa il bagno in mutande, evento che la signora interpreta come una offesa.


Approfittando di questo fatto per vendicare la morte di suo cugino, ordina al suo servitore di colpire e macchiare il minore di Lara con un cetriolo (?) ripieno di sangue, davanti alle risate dei suoi fratelli.


Gonzalo reagisce uccidendo il servo di Dona Lambra, che era andato a rifugiarsi sotto la protezione del manto della padrona. Questi eventi provocano la voglia di vendetta di dona Lambra; perciò suo marito, Ruy Velazquez, escogita un piano per il quale Gonzalo Gustioz viene mandato a Cordoba per consegnare una lettera all'Almanzor, il cui contenuto indica che venga ucciso il vettore. Il padre dei bambini non conosce il contenuto della lettera perché è scritta in arabo. Alla fine Almanzor ha pietà di Gonzalo Gustioz e si limita a rinchiuderlo nella casa delle teste. A loro volta, i sette fratelli di Lara si erano diretti a fare un agguato contro le truppe musulmane; Nino Solido, il loro tutore, venne a sapere del crimine di Ruy Velazquez e cerca di avvisare gli 'infanti' ma viene assassinato.


Nella battaglia, nonostante il loro valore di guerrieri, vengono decapitati e le loro teste inviate a Cordoba per ordine del loro zio, Ruy Velazquez. Lì vennero mostrate al loro padre, Gonzalo Gustioz, e più tardi, secondo la tradizione, vennero appese agli archi di questo vicolo. Durante la sua prigionia, il signore di Salas viene 'consolato' da Fatima, una sorella dell'Almanzor, dalla quale ebbe un figlio di nome Mudarra. Sarà lui che, al passare del tempo, e una volta conosciuta la sua vera storia, vendicherà la morte dei suoi fratelli, uccidendo Ruy Velazquez e incendiando il palazzo di Dona Lambra, con dentro la malvagia signora.


SEGUICI

ORARIO:
Aperto tutti i giorni.
10 :00h - 20 :00h

Calle Cabezas, 18 - 14003 Cordoba (Spagna)

Phone: (+34) 857 806 236 


Email: casadelascabezas@gmail.com